IL PORTO

Nel turchino di un mutevole specchio
pescherecci assonnati si cullano
nei fluttui lievi e radiosi del molo.
Li ho visti leccarsi ferite scarlatte,
arrugginite, incrostate di stenti.
Li ho ascoltati sopirsi sottovoce,
teneramente adagiati sui saggi navigli.
Tra sogni dissolti nel torpore della sera
s’infrangono fatiche pronte a salpare
veleggiando ancora verso l’immensità.

 


 

CERCAMI

Cercami,
nel tuo disordine trovami.
Vesti il tuo letto di nuovi orizzonti
e perditi nell’uragano del mio amore.
Una pioggia di capelli sul tuo petto
laverà la tristezza di ieri,
e sarò per te incanto e ardore.
Cercami,
nelle pieghe dell’anima vivimi.
Sogna avvolto da un morbido abbraccio
e viaggia verso la mia galassia infinita.
Una rugiada di teneri baci
bagnerà le ombre nei tuoi occhi
e rivivrò dentro la tua mente sopita.
Cercami,
nel profumo d’antico sapone amami.
Mangia dalle mie mani calde
e portami con te sotto la bianca pelle.
Un brivido di soffice luna
agiterà passioni su di noi
e porterò le tue labbra a gustare le stelle.


 

SENTIMENTO

Lo sogni e t’affanni,
lo cerchi per anni,
lo ami, lo inganni,
lo brami, poi ti danni.
Lo trovi, t’innamori,
lo dipingi di bagliori,
lo anneghi nei colori,
lo adori, poi lo ignori.
Lo scruti, lo rifiuti,
lo gridi, lo nascondi,
lo vuoi ma non ti fidi,
lo vivi, poi lo uccidi.


 

INNO AL CORAGGIO

Oltre lo scorrere
inesorabile del tempo,
la serranda del crepuscolo,
il coraggio di vestirti
delle tue emozioni,
tu vaghi nudo,
trasparente corazza
delle tue paure.
Ti sei cucito attorno
pareti di apparenze,
oltre l’evidenza,
oltre la sostanza,
vaghi
cantando l’inno di noi,
muto.
Oltre il suono delle parole che taci,
nel profondo,
tu m’ami.


 

NEGLI OCCHI

Negli occhi di un fanciullo vedo
mille colori, rubati al pennello
d’un grande artista.
Negli occhi di un vecchio,
cristalli di lacrime e quel che resta
di una pellicola già vista.
Negli occhi di un ragazzo vedo
speranze dipinte di sereno,
limpido sfondo dell’avvenir lontano.
Negli occhi di un uomo,
la tinta solcata dai rapidi tocchi
d’una esperta mano.


 

IL BIVIO

Tu che scrivi di cuori in tempesta,
di treni in partenza,
mai saprai d’essere al capolinea di te stesso.
Tu che viaggi in sella al destino,
al largo di fermate senza sosta,
mai saprai d’essere scalatore di picchi
immobili come speranze vuote.
Tu che coltivi l’amore
nel giardino di tenui pensieri,
mai saprai d’esser guardiano di un costante
immutato tormento.
Mai saprai d’esser spettatore inquieto
di una vita vissuta all’ombra
di un interminabile bivio.


 

TESTI come AUTORE per CANZONI

CANZONI per BAMBINI

GIOIA (Anytha)

INTRO

In tutto l’universo di certo non vi è noia
perfino gli UFO sanno che cosa sia la gioia.
Invece sulla Terra forse nessuno sa
che cosa sia la gioia o qualcuno lo saprà.
Allora io vi dico che alla felicità si arriva
a passi piccoli e senza scorciatoia.

VERSE

Gioia è un bimbo col passo tardivo,
l’incerto galoppo di un cavallo all’arrivo.
E’una farfalla ingabbiata nel fitto retino,
un tuffo che affoga le pene del destino.
E’ un fiume deviato da un’artistica diga,
la vita che viene al di là della riga.

CHORUS

In tutto l’universo di certo non vi è noia
perfino gli UFO sanno che cosa sia la gioia,
una gioia senza fine che trovi in un abbraccio
e scioglie tutti i cuori, anche quelli di ghiaccio.

VERSE

Gioia è il canto del gallo la mattina,
è correre più forte per arrivare prima.
Lo scacco matto al re che mangia la regina,
una gran felicità se poi trovo la rima.
E quando arriva sera la gioia più grande è
la zampa del mio cane che dorme qui con me.

CHORUS

In tutto l’universo di certo non vi è noia
perfino gi UFO sanno che cosa sia la gioia,
una gioia senza fine che trovi in un abbraccio
e scioglie tutti i cuori, anche quelli di ghiaccio.

OUTRO

Non esser triste e pensa a tutto ciò che vuoi,
poi chiudi forte gli occhi e lo raggiungerai.
Forse saran le stelle o forse son gli amici,
se ci teniam per mano saremo più felici.
Diritti riservati – Riproduzione vietata senza consenso dell’autore

L. 22/04/1941 n° 633, G.U. 16/07/1941
Privacy Policy e Cookie Policy | Informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679
© 2021 – Cristina Battocchio

 

 

 

PACE RAP (Anytha)

INTRO

Sei capace ? Sei capace ? Sei capace di cantare la parola che ci piace ?

VERSE 1

Si fa danza la speranza
che nel mondo arrivi pace dalla mente più vivace
Sei capace ? Sei capace ? Sei capace di cantare la parola che ci piace ?

CHORUS

Sì ci piace veramente la parola che la gente
che la gente solo dice ma poi non sa far la pace

VERSE 2

Ai potenti più esigenti
con la mano basti un gesto per un patto manifesto
Sei capace ? Sei capace ? Sei capace di cantare la parola che ci piace ?

CHORUS

Sì ci piace veramente la parola che la gente
che la gente solo dice ma poi non sa far la pace

BRIDGE

Se si mangia solo rabbia non si esce dalla gabbia
Sorridiamo la mattina anche con mascherina
e se vuoi sarai capace di portare un po’ di pace

VERSE 3

Niente odio, solo amore
se si vuol esser migliore si spalanchi solo il cuore
Sei capace ? Sei capace ? Sei capace di cantare la parola che ci piace ?

CHORUS

Sì ci piace veramente la parola che la gente
che la gente solo dice ma poi non sa far la pace

VERSE 4

Ed infine un lieto augurio:
non distrugga più una guerra la bellezza della Terra
Sei capace ? Sei capace ? Sei capace di cantare la parola che ci piace ?
Sei capace ? Sei capace ? Sei capace di cantare la parola che ci piace ?

OUTRO

C’è silenzio, tutto tace
È davvero così bello quando il mondo vive in pace!

Diritti riservati – Riproduzione vietata senza consenso dell’autore

L. 22/04/1941 n° 633, G.U. 16/07/1941
Privacy Policy e Cookie Policy | Informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679
© 2021 – Cristina Battocchio


 

CANZONI per CANTANTI EMERGENTI ed INTERPRETI

PANTA REI

INTRO

Sono seme, sono fiore, sboccio lento, in un lieve soffio di vento.

VERSE

Magica illusione, magico il mio tempo
la falsa verità di non trovare tempo,
per dedicarci un giorno oppure cento.

BRIDGE

Panta rei – panta rei e niente torna ….niente
a parte le ferite che ti restano qui dentro
e che non puoi lenire nemmeno con l’unguento.

CHORUS

Sono seme, sono fiore, sboccio lento, in un lieve soffio di vento.

VERSE

Tu sai che sono stato l’ombra di me stesso
loro non hanno vinto, nessuno mi ha mai spento,
hanno rubato tutto il mio migliore tempo.

BRIDGE

Panta rei – panta rei e niente torna ….niente
e sto sbocciando ancora, sboccio continuamente
rinasco a vita nuova interminatamente

CHORUS

Sono seme, sono fiore, sboccio lento, in un lieve soffio di vento.

VERSE

Spezzate le catene , le mani sono pugni
ho visto la mia luce, la fiamma del domani
i giorni stropicciati come un origami

BRIDGE

Panta rei – panta rei e niente torna ….niente
e sto sbocciando ancora, sboccio continuamente
rinasco a vita nuova interminatamente

OUTRO

Sono seme, sono fiore, sboccio lento, ridatemi il mio tempo.
Panta rei – panta rei ma niente torna …
Niente. Mai.

Diritti riservati – Riproduzione vietata senza consenso dell’autore

L. 22/04/1941 n° 633, G.U. 16/07/1941
Privacy Policy e Cookie Policy | Informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679
© 2021 – Cristina Battocchio

 

 

 

6

INTRO

E non ti ho mai detto, no non te l’ho mai detto,
che infinitamente sei il doppio del numero perfetto…

VERSE

Sei il mio bimbo, il mio amico, il mio amante,
sei il mio vecchio, la mia anima allo specchio,
sei l’altro mio volto, il mio io capovolto,
sei un pensiero nascosto, uno sguardo fuori posto.

BRIDGE

CHORUS

Sei il doppio del numero perfetto e non te l’ho mai detto…non te l’ho mai detto

VERSE

Sei il mio porto, il sole appena sorto,
sei il loto sull’acqua, un bagliore sulla sabbia,
sei la nota intonata, una dolce serenata,
sei ciò che io non sono, il più bel suono

BRIDGE Assolo chitarra

CHORUS

Sei il doppio del numero perfetto e non te l’ho mai detto…non te l’ho mai detto

BRIDGE

CHORUS

Sei la mia parte migliore, geometria del cuore,
sei mare e fondale ignoto, corpo e spirito devoto,
sei immagine pura, orizzonte nella natura,
sei nero e bianco uniti, luna e sole infiniti

OUTRO

Sei il doppio del numero perfetto e non te l’ho mai detto…non te l’ho mai detto
E non te l’ho mai detto perchè sei tutto e niente in coscienza,
tu sei il mio destino e la sua essenza

Diritti riservati – Riproduzione vietata senza consenso dell’autore

L. 22/04/1941 n° 633, G.U. 16/07/1941
Privacy Policy e Cookie Policy | Informativa ai sensi del Reg. UE 2016/679
© 2021 – Cristina Battocchio